Partecipa a Val Sangro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Carenza idrica per gli agricoltori: sei sindaci scrivono alla Regione

Cinque sindaci chiedono al presidente Marsilio un incontro per risolvere la carenza idrica in agricoltura

Condividi su:

Sei sindaci della Val di Sangro scrivono alla giunta regionale, guidata dal presidente della Regione Marco Marsilio, e ai parlamentari abruzzesi per chiedere un incontro con al centro il tema dei problemi legati alle attività del Consorzio Bonifica sud di Vasto e la salvaguardia delle produzioni agricole del territorio.

A scrivere sono i sindaci di Altino, Vincenzo Muratelli, Atessa, Giulio Borrelli, Casoli, Massimo Tiberini, Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, Paglieta, Ernesto Graziani, e Perano, Gianni Bellisario.

Vanno subito al sodo i cinque primi cittadini preoccupati dalla carenza di acqua e servizi per i coltivatori dei propri territorio: “I nostri agricoltori, che affrontano, quotidianamente, numerose avversità tra cui quelle conseguenti alle criticità di gestione del nostro Consorzio di Bonifica Vasto Sud, ci inducono a chiedere sia un incontro urgentissimo che l’istituzione di un tavolo tecnico permanente e di confronto destinato ad individuare soluzioni alle gravi problematiche che investono il comparto agricolo ed in particolare quelle conseguenti alle difficoltà di approvvigionamento idrico sui nostri territori.”

“Il problema dell’approvvigionamento idrico, - sottolineano i sindaci - che è aggravato certamente dalla situazione contingente legata ai cambiamenti climatici, è determinato soprattutto, in varie aree del territorio, dalla presenza di infrastrutture obsolete e non più adeguate anche alle nuove modalità e tecniche di irrigazione.”

“Infatti molte strutture consortili, realizzate degli anni ’60, attualmente, risultano essere fatiscenti aggravando ulteriormente il problema della carenza idrica a causa delle copiosissime perdite di acqua, spesso superiori alla quantità di quella poi utilizzabile dagli agricoltori nei punti di erogazione.”

“Di conseguenza,  - scrivono i cinque amministratori della Val di Sangro - i sottoscritti Sindaci di Altino, Atessa, Casoli, Fossacesia, Paglieta e Perano rappresentiamo i portavoce dei nostri agricoltori e di tantissime Associazioni, minacciati già da problemi come la presenza incontrollata di ungulati e all’aumento dei prezzi delle materie prime; tali ulteriori problematiche stanno causando la fine di molte attività economiche, mettendo in ginocchio l’intera filiera produttiva agricola che, attualmente, appare essenziale all’economia della nostra Regione e del nostro Paese.”

Nei giorni scorsi i sindaci si erano incontrati con il commissario consortile, Michele Modesti, al quale avevano fatto presente le molte problematiche incontrate dagli agricoltori in questo momento. Il commissario si era detto disponibile a contattare gli organi regionali per un’interlocuzione al fine di affrontare e risolvere le enormi difficoltà in cui si trova il consorzio. 

“Chiediamo - concludono i cinque sindaci - pertanto a Lei Presidente e all’Assessore competente di poterci concedere, con urgenza, questo incontro e di poter istituire un tavolo tecnico permanente, tra tutti i rappresentanti politici del territorio, invitati p.c. con questa lettera, al fine di poter affrontare e trovare una soluzione alle suindicate problematiche, inserendole in linee di intervento politico-finanziarie della programmazione della Regione Abruzzo.”

Condividi su:

Seguici su Facebook