Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Thomas Schael replica a Paolucci e si scaglia contro i fornitori

Il direttore della Asl Lanciano – Vasto – Chieti, Thomas Schael, si scaglia contro le case farmaceutiche ree di non aver consegnato in tempo le dosi richieste del vaccino anti-influenzale

| di Armando Travaglini
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Il direttore della Asl Lanciano – Vasto – Chieti, Thomas Schael, si scaglia contro le case farmaceutiche ree di non aver consegnato in tempo le dosi richieste del vaccino anti-influenzale.

“Siamo partiti in anticipo e abbiamo già vaccinato 40mila persone in provincia di Chieti, ma ora la generale carenza di dosi che affligge tutta Italia sta provocando rallentamenti nelle forniture anche alla nostra azienda” afferma Schael, replicando al consigliere regionale Silvio Paolucci.

“Non c’è alcuna responsabilità della Giunta regionale, dell’Assessorato alla Salute o della Asl per i ritardi nella distribuzione dei vaccini antinfluenzali ai medici, pediatri e ai nostri centri vaccinali - prosegue il manager -  Tutto è dovuto alla mancata consegna da parte dei fornitori di una nuova tranche di dosi di vaccino.”

“Prevedendo la maggiore richiesta che quest'anno sarebbe arrivata da parte dei cittadini – spiega il direttore della Asl –  ci siamo mossi per tempo, è stata fatta la gara e la nostra Asl ha fatto gli ordini con un congruo anticipo, così da essere pronti per l'avvio della campagna il 1° ottobre. Abbiamo ricevuto i primi lotti, che sono stati puntualmente distribuiti ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta e ai nostri centri vaccinali per consentire le prime vaccinazioni alle categorie più esposte.”

Qui arriva la nota dolente per il manager tedesco: “Nuove consegne erano previste per lunedì 19 e per il 26 ottobre prossimi, ma oggi abbiamo ricevuto dai fornitori la comunicazione che il termine non sarà rispettato.”

“Per del tutto evidenti ragioni di trasparenza – dichiara il direttore generale – ho ritenuto doveroso avvertire medici e pediatri per evitare loro il disagio di trovarsi la prossima settimana nell'impossibilità di rimanere senza vaccini già prenotati e senza nemmeno sapere il perché. I nostri centri vaccinali continueranno invece a vaccinare regolarmente nei prossimi giorni le persone che hanno già la prenotazione.”

Infine Thomas Schael conclude: “sono comunque in corso trattative con i fornitori per riprendere le consegne come da programma: abbiamo intanto ricevuto rassicurazioni che la nostra richiesta sarà evasa non appena avranno nuovamente la disponibilità dei vaccini”.

Armando Travaglini

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK