Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Cibo e tradizione, a Perano torna “Borgo diVino”

Il 30 e 31 ottobre e 1 novembre il percorso enogastronomico nel borgo autentico abruzzese

| di riceviamo e pubblichiamo
| Categoria: Enogastronomia
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

PERANO - Torna “Perano Borgo diVino”,  il percorso enogastronomico con degustazione di piatti tipici locali, vino novello e galà dei grandi vini d’Abruzzo. Il 30 e 31 ottobre e 1 novembre il borgo autentico abruzzese ospiterà tre giorni interamente dedicati al buon cibo, alle tradizioni e al divertimento: lu “pene scafenesche” (pane schiavonesco), “pizze e foje”, “sagne e fasciuole”, “ciffe e ciaffe”, “pallotte casce e ove” sono soltanto alcuni dei piatti da poter assaggiare alla quinta edizione dell’evento organizzato dall’associazione Perano Borgo diVino con il patrocinio del Comune e la collaborazione delle varie realtà associative del paese.
Protagonista indiscusso della manifestazione è il vino; ad accompagnare le pietanze infatti ci saranno sia i vini novelli delle cantine locali sia i migliori vini d'Abruzzo.

“Il cibo e la cultura per una vita migliore – così commenta l’iniziativa il sindaco Gianni Bellisario. “Il comune di Perano – aggiunge - anche con questa manifestazione volta alla riscoperta e alla promozione delle tipicità, organizzata e sostenuta da tutta la comunità, conferma la sua identità di Borgo Autentico d’Italia nel cuore produttivo della Val di Sangro”.

Ed è proprio il binomio cibo e cultura il motore dell’evento che rappresenta il tentativo di coniugare la più schietta tradizione culinaria regionale e locale con le richieste da parte di un pubblico sempre più numeroso di appassionati ed esperti che sceglie un’alimentazione sana ed equilibrata.

La cucina tradizionale, secondo gli organizzatori, è uno dei pochi saperi del mondo contadino che è riuscito a sopravvivere nonostante l’omologazione imposta dalla cultura contemporanea e può rappresentare oggi una delle tante strade di evasione e di ricostruzione di un’identità.
 

Musiche, canti e balli popolari abruzzesi accompagneranno l’iniziativa con gli Svalvolati, i Caferza  e lu Sole Allavate il 30 ottobre, li Straccapiazz, gli Svalvolati e i Lupi della Majella il 31 ottobre, i Vivofolk, i Sunatour e i Giovani del Folk il 1 novembre.

L’evento inizierà alle 19.00 in tutte e tre le serate.

riceviamo e pubblichiamo

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK