Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Atessa: Mancata concessione della Sala Consiliare, interviene il circolo Forza Italia

| di Circolo Forza Italia Atessa
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

L'Amministrazione Comunale di Atessa, nei giorni scorsi, ha deciso arbitrariamente di assumere una posizione antidemocratica, impedendo l'utilizzo della sala consiliare, regolarmente richiesta da un’associazione per la promozione di un libro, senza dare, tra l’altro, alcuna spiegazione. Ricordiamo ai nostri amministratori, che la Sala Consiliare non è di proprietà della Giunta, ma è una sala che quando non utilizzata per i Consigli Comunali, dovrebbe essere a disposizione di tutta la collettività per la promozione di iniziative culturali, che siano queste condivise o meno dall’attuale amministrazione. Almeno questo è stato consuetudinariamente negli anni scorsi.

E’ evidente che a quanto pare, le iniziative culturali non condivise dall’Amministrazione Comunale, si cerca di vietarle o quantomeno di impedirle o semplicemente ostacolarle, non concedendo, a chi ne faccia regolare richiesta, le strutture comunali.

Ribadiamo che la Sala Consiliare non è di proprietà della Giunta, la quale non può assolutamente sindacare a chi concederla e a chi no, salvo, ovviamente, per manifestazioni contrarie alla legge! E' innegabile che in questo caso, non essendo l'iniziativa promossa, condivisa dall'Amministrazione Comunale, o meglio ancora solo da una parte di essa, si è preferito ostacolarne lo svolgimento, negando la disponibilità della sala richiesta, senza giustificazione alcuna.

Ricordiamo che la precedente amministrazione di centro-destra, per dieci anni, ha sempre concesso la Sala Consiliare a tutti, in particolar modo ai partigiani dell'ANPI, che ne hanno liberamente usufruito per promuovere le loro iniziative. Pur non condividendo le idee partigiano/comuniste, la passata amministrazione, ne ha sempre favorito la divulgazione, consentendo lo svolgimento di apposite iniziative ed assicurando, così, il principio costituzionalmente garantito di professare liberamente il proprio pensiero.

La nostra Costituzione, infatti, sancisce all'articolo 21 che: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione". Questo principio, a nostro avviso, è stato violato! Tutto ciò è di una gravità inaudita, e fa' piombare Atessa in quel clima di tensione, che era appannaggio dei peggiori regimi comunisti.

Qui non si tratta di condividere pensieri, idee o posizioni con i promotori dell’iniziativa, bensì si tratta di tutelare e garantire il sacrosanto diritto di libertà di manifestazione del pensiero, diritto riconosciuto da tutti gli ordinamenti democratici. Questa libertà è riconosciuta da tutte le moderne costituzioni, oltre che dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948 e dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Ci aspettiamo, a questo punto, che il Sindaco Borrelli si ravveda e torni sui propri passi, concedendo la sala consiliare, così come regolarmente richiesto, al fine di ripristinare la legalità e la democrazia, ed in secondo luogo, ma non meno importante, per dimostrare, non a noi, ma alla cittadinanza tutta, di essere un Sindaco libero, capace di pensare con la propria testa, e di non essere, invece, ostaggio del Partito Democratico, che, a nostro avviso, potrebbe condurlo a breve nel declino più totale!

Circolo Forza Italia Atessa

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK