Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Atessa: impianto di trattamento rifiuti in Val di Sangro, si esprime il Consiglio Comunale

Contrarietà al progetto, la mozione approvata nell'ultima seduta

| di Redazione
| Categoria: Ambiente
STAMPA

ATESSA - Parere espresso nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Comunale, è stata così approvata la mozione che esprime la contrarietà alla realizzazione sul territorio del comune di Atessa, in particolare in zona Saletti, del progetto avanzato di recente dalla Di Nizio Eugenio Srl.

Voto all’unanimità del Consiglio Comunale sull'impianto di trattamento rifiuti sanitari a rischio infettivo mediante sterilizzazione e con adiacente deposito per rifiuti pericolosi e non pericolosi. Una posizione nella quale si ravvede la necessità di contrastare azioni che, come questa, risultano essere a forte impatto ambientale. 

Con gli stessi termini, anche il Sindaco di Atessa Giulio Borrelli aveva infatti inviato alla Regione Abruzzo, al Presidente D’Alfonso e all’Assessore Regionale Mazzocca una lettera in cui, sottolineando la propria contrarietà, chiedeva maggiore chiarezza anche da parte degli organi regionali affinché ci fosse un aggiornamento costante sul procedimento relativo al progetto.

Attualmente, infatti, la commissione Via (Valutazione Impatto Ambientale) ha deciso di sospenderlo temporaneamente riscontrando alcune problematiche relative alla documentazione. 

Nella nota inviata all'azienda, il Servizio Regionale chiarisce che con il nuovo decreto legislativo, cioè il “provvedimento autorizzativo unico regionale” è previsto che la documentazione e gli elaborati progettuali debbano "consentire la compiuta istruttoria tecnico-amministrativa finalizzata al momento del rilascio di tutte le autorizzazioni: concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati, necessari alla realizzazione del medesimo progetto e indicati puntualmente in apposito elenco predisposto dal proponente stesso”. La richiesta della Via regionale ha una decorrenza di 60 giorni, pena la sospensione della procedura.

 

Redazione

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK