Partecipa a Val Sangro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Paglieta. Comune ottiene finanziamenti per tre opere pubbliche

Sono in arrivo oltre 600 mila euro per la progettazione e la realizzazione di interventi di messa in sicurezza del territorio

La redazione
Condividi su:

Il Comune di Paglieta ha ottenuto contributi, all’annualità 2022, per il finanziamento di spese di progettazione definitiva ed esecutiva, relativa ad interventi di messa in sicurezza del territorio. 

Tre le progettazioni di rilevanti opere pubbliche che saranno finanziate. Il valore complessivo delle spese di progettazione finanziate ammonta a € 636.425,58

Questi i progetti con gli importi complessivi per le realizzazioni delle opere e i contributi ottenuti per le loro progettazioni: 1) Rigenerazione urbana del centro storico  2.950.000,00, progettazione  212.506,31; 2) Messa in sicurezza attraverso demolizione e ricostruzione della Scuola Primaria di 2°grado “B. Croce”. La somma del progetto è di € 4.047.900,00 e la sua progettazione  227.099,79; 3) Rigenerazione urbana sostenibile su struttura pubblica in via della Fontana Vecchia (ex mangimificio Dell’Aventino). L’importo dell’opera è pari a € 2.688.000,00, progettazione € 196.819,48.

La richiesta di finanziamento per la progettazione delle predette opere ed avanzata dal Comune di Paglieta, ha ricevuto il benestare su 12.180 domande valide pervenute da enti locali su tutto il territorio nazionale. 

Tra queste istanze di finanziamento per la progettazione, quella di Paglieta è stata ammessa unitamente ad altre 1.700. E a plaudire per il risultato è lo stesso sindaco di Paglieta, avv. Ernesto Graziani, che ha affermato, «Il Comune si è aggiudicato oltre 600 mila euro di progettazione. È un risultato molto apprezzabile perché su oltre 12mila richieste, solo 1.782 sono stati i Comuni ammessi al contributo. Paglieta», aggiunge Graziani, «ha richiesto contributi per 3 differenti progettazioni, piazzandosi nelle posizioni: 1140, 1141, 1142.»

«Risulta evidente», conclude il Sindaco, «come la competenza e l‘efficienza degli uffici interni, unita ad una buona amministrazione ha permesso di ottenere questi importanti risultati».

Infatti, l’attribuzione del contributo, é stata effettuata sulla base delle priorità previste dall’articolo 1, comma 53, della richiamata legge n.160 del 2019, privilegiando gli enti locali che presentano la maggiore incidenza del fondo di cassa al 31 dicembre dell’esercizio precedente rispetto al risultato di amministrazione risultante dal rendiconto della gestione del medesimo esercizio. 

Condividi su:

Seguici su Facebook