Partecipa a Val Sangro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Lancianofiera, CdA al completo con la nomina di Bruno De Felice

Rappresenterà la Regione Abruzzo

redazione
Condividi su:

Con la delibera di nomina della Giunta regionale che ha designato Bruno De Felice, è al completo, dopo dieci anni, il Consiglio di Amministrazione di Lancianofiera. Funzionario pubblico, lancianese di quarant’anni, laureato in scienze economiche, De Felice siederà nel CdA del Polo fieristico d’Abruzzo con il presidente Donato Di Campli e l’avvocato Alberto Paone (membro espresso da Bper Banca).

“Finalmente dopo dieci anni il consiglio di amministrazione di Lancianofiera può lavorare al completo, come previsto dal nostro Statuto e disposto dalla legge regionale 58/1993. La nomina di Bruno De Felice quale membro rappresentante della giunta regionale – ha detto il presidente di Lancianofiera Donato Di Campli - porterà un valore aggiunto al lavoro che abbiamo avviato da alcuni mesi e mostra tutta l’attenzione della Regione verso il Polo fieristico d’Abruzzo, che vogliamo rendere moderno, innovativo e al passo con le mutate esigenze”.

“Dopo due anni di pandemia, è evidente quanto sia importante puntare i riflettori della nostra economia regionale su tutto il comparto del terziario ed è altrettanto chiaro il ruolo strategico che riveste una struttura come il Polo fieristico di Lanciano – ha sottolineato il nuovo membro del CdA – che deve tornare a essere motore di innovazione per la città e per l’intera regione, ponendosi al centro di politiche di sviluppo per attività e imprese e lavorare in sinergia con Istituzioni e portatori d’interesse. La fiera di Lanciano è indubbiamente un gioiello, un piccolo diamante che deve essere sostenuto anche per tornare ad attrarre l’interesse di espositori al di fuori dei nostri confini. Sono pronto a dare il mio contributo, accanto al presidente Di Campli - ha detto De Felice - e ringrazio il presidente Marsilio, l’assessore delegato D’Amario e il presidente del Consiglio regionale Sospiri per la fiducia accordatami e l’opportunità offerta”.

Condividi su:

Seguici su Facebook