Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Il punto sul campionato

La sintesi della 9 giornata del girone B di Prima Categoria

| di Bobo Ianni
| Categoria: Sport | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

IL PUNTO SUL CAMPIONATO

Nel girone B di prima categoria siamo giunti alla giornata numero nove. Quarta vittoria consecutiva per l’Athletic Lanciano, che di rimonta piega la resistenza di un combattivo Paglieta e festeggia il primato solitario in classifica: al Villa delle Rose, sono gli ospiti a trovare il vantaggio, grazie al gol lampo del sempreverde Antonello Crognale, classe 1976, in gol dopo nemmeno un minuto di gioco; la truppa di mister Fischio reagisce con veemenza e perviene al pareggio al 24’ con Raffaele Pagano, autore di una gran staffilata all’incrocio; nella ripresa, i rossoneri continua a premere fino a quando, al 72’, Samuele Di Paolo, decide il match con il più classico dei gol dell’ex. I frentani salgono, dunque, a quota 19, in vetta al raggruppamento grazie anche al pari, nel big match di giornata, tra Roccaspinalveti e Tollese, unico 0-0 di questo turno.

I biancoverdi escono dal campo con qualche rammarico, avendo creato diverse occasioni ma senza concretizzarne nemmeno una, per la poca lucidità sotto porta ma anche per la tenacia degli uomini di mister Pasquini, che comunque escono indenni da una trasferta molto difficile, su un campo in cui poche squadre porteranno via dei punti.

Al secondo posto, oltre ai biancorossi, ci sono altre due formazioni, ovvero Pretoro e Virtus Ortona. I lupi, una vera sorpresa di questo primo scorcio di stagione, riescono a rimontare il Casalincontrada nell’impianto amico dell’Amoroso: i gialloblù di mister Bonelli chiudono la prima frazione in vantaggio, per effetto dell’inzuccata di Falone; i biancoverdi, però, tornano in campo decisi e, tra il 52’ e il 56’, in quattro minuti, riescono a cambiare l’inerzia del match con la botta dal limite di Borgonsoli e l’eurogol di Mucci, dalla lunga distanza, che si infila proprio sotto l’incrocio dei pali, regalando a mister Mancini la vittoria numero quattro in casa, su cinque gare disputate nel proprio impianto finora. Non si ferma neanche l’Ortona di mister Brettone, capace di espugnare il Fontecicero con un secco 0-3 che è tutto dire: l’Atessa, falcidiata dalle assenze e dalle squalifiche, sfodera la peggiore prestazione dell’anno e viene giustamente sconfitta; Del Peschio, complice una deviazione, porta in vantaggio i suoi al 12’; nella ripresa, Alessio D’Alessandro, al 53’, raddoppia sfruttando un’uscita allegra di Cericola; i rossoblù provano una reazione e hanno l’occasione di rientrare in corsa con il calcio di rigore accordato al 65’, ma De Cillis spara addosso a Della Pelle, che blocca la sfera e rilancia in avanti, trovando Bolognini, il quale fa fuori due avversari con una finta e deposita in rete lo 0-3 definitivo.

Sette punti nelle ultime tre gare per i gialloverdi, tornati prepotentemente su in classifica, mentre è notte fonda per l’Atessa, alla seconda sconfitta consecutiva, la prima in casa, cosa che non accadeva dal 3 maggio 2016 in campionato. Buon esordio sulla nuova panchina per mister Nicola Marcello, il quale in settimana è stato ufficializzato alla guida del Fresa: i biancorossi, dopo un momento di appannamento, tornano a macinare gioco e punti, risultando corsari a Francavilla, in casa del fanalino di coda Atletico; mattatore di giornata è Giuseppe Zara, autore di una tripletta memorabile.

Accade tutto nell’ultimo quarto di gara: i biancorossi passano in vantaggio al 66’ ma, dieci minuti più tardi, vengono ripresi dal giovane difensore Roberto Garozzo, al primo centro stagionale; i fresani non ci stanno e cercano in tutti i modi la vittoria, che arriva in zona cesarini con altre due marcature del bomber classe 1993, il quale completa l’hattrick tra il minuto 85 e il 92. Festival del gol e quante emozioni allo stadio “Gli angeli di Palena”, dove la formazione locale e il Palombaro danno vita alla gara più vivace ed incerta della giornata: i primi minuti di gioco sono subito infuocati, poiché al 3’ Margarita porta in vantaggio gli ospiti, ma nei due minuti successivi ci pensa il solito Enrico Di Falco a ribaltare immediatamente il risultato con una doppietta; il primo tempo procede con diverse occasioni per parte ma l’inizio di ripresa è, in pratica, identico a quello del primo atto, con Margarita a ristabilire il pareggio, al 48’, e Di Marino, due minuti più tardi, a riportare ancora una volta il Palena in avanti; Schieda, al 53’, rimette tutto in discussione con il gol del 3-3 che sembra trascinarsi fino al fischio finale; a cambiare le sorti del match, però, spunta l’esperto Gaetano Tonti, che al 92’ fa esplodere i biancoazzurri e mister De Vitis in un urlo liberatorio che vale il 4-3 finale e i tre punti in cascina, fondamentali per rimanere aggrappati al treno dei play off. Mister Padolecchia, invece, ha racimolato solo un punto nelle ultime tre trasferte, un misero bottino per una squadra costruita con diverse ambizioni.

Continua a fare punti il San Vito che, dopo la vittoria sull’Atessa, coglie un pareggio importante nello scontro diretto di Rapino grazie a Di Battista, il quale rimedia allo svantaggio subito da Tirino, il tutto in due minuti, tra il 47’ e il 49’. I biancoazzurri salgono a quota 12 a distanza di sicurezza dalla zona calda, mentre i neroverdi tornano a muovere la classifica dopo il ko di Paglieta, anche se non guadagnano posizioni.

Stesso discorso per la sfida del Di Vittorio, dove Scerni e Real Casale non si fanno male e, anzi, sono gli ospiti a mordersi le mani dopo aver accarezzato a tratti la vittoria: in una gara equilibrata, i giallorossi passano in vantaggio al 61’, grazie alla trasformazione dal dischetto del capocannoniere del girone, Graziano Di Biase, che spiazza Cianci infilando nel sette; lo Scerni agguanta il pari nel finale, per effetto di un altro tiro dal dischetto, con l’esecuzione affidata a Carlo D’Amelio, subentrato nella ripresa, che fissa il risultato sul pareggio al minuto 81, dopo aver protestato in almeno altri 4 episodi dubbi in area casalese con il direttore di gara, il quale, tra l’altro, espelle per un accenno di rissa lo scernese Monteferrante e il giallorosso De Cillis.

Lo Scerni si porta a quota 11, mentre il Real sale a sei, non sfruttando a pieno il turno di riposo del Trigno Celenza, che resta in penultima posizione. Nella prossima giornata, sarà proprio lo Scerni a rimanere fermo.

 

Bobo Ianni

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK