Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Natale in Abruzzo, è tempo di tarallucci

Le ricette della tradizione

| di Redazione
| Categoria: Curiosità e varie
STAMPA

Le tradizioni vanno rispettate e, come nelle migliori case abruzzesi, non possono mancare sulla tavola i tarallucci, tipici dolci abruzzesi, ovviamente fatti a mano seguendo la ricetta, che spesso si tramanda di madre in figlia per generazioni.

Il profumo è sempre buono, come quello di tutte le cose che nascono dalle mani, da ricette di famiglia nelle cucine dai vetri appannati.

I tarallucci nella loro tipica forma devono venire belli, perché l’aspetto è importante, ma anche pieni con il buon ripieno di marmellata d’uva, meglio se fatta in casa anche quella. All’interno anche mandorle tritate e un po’ di cioccolato, chiusi nella pasta morbida a fazzoletto.

Insomma una ricetta che mette insieme i ricordi di quando le aspiranti cuoche, da piccoline, si mettevano all’opera con il mattarello intente a copiare i passaggi che facevano le mamme, oltre alla genuinità delle cose fatte in casa; tutto ciò contribuisce a rendere i “cellipieni” degni della tradizione abruzzese.

Per chi ha voglia di cimentarsi, ecco alcune indicazioni per fare i tarallucci al vino e concludere al meglio i pranzi di Natale.

 

Ricetta Tarallucci

Ingredienti per la pasta:

1 bicchieri di olio,

1 bicchiere di vino,

300 grammi di farina circa

40 grammi di zucchero

Per il ripieno:

Marmellata d’uva

Mandorle tritate o noci

1 cucchiaio di cacao amaro o cioccolato fondente tritato

Buccia di arancia grattugiata

 

Si parte mettendo su una spianatoia la farina a fontana, al centro aggiungere l’olio, il vino e lo zucchero e impastare lentamente il composto. Attenzione, la pasta non deve essere troppo dura, ma neanche troppo morbida, proprio come insegnano le nonne.

Una volta preparato l'impasto, facciamolo riposare prima di stenderlo in una sfoglia sottile. Creiamo poi dei tondi di pasta, al centro mettiamo il nostro ripieno precedentemente amalgmato. Chiudiamo i tarallucci come dei ravioli: prima chiusi a mezzaluna e poi avvolti al centro come un fazzoletto.  

Una volta disposti nella teglia da forno possiamo infornare a 180° gradi per circa 15 minuti. Cuociono abbastanza rapidamente, e lasciano subito un ottimo profumo ad invadere la casa.

Spolverate con lo zucchero e mettete a tavola…finiranno molto presto!

Redazione

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK