Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Mozzagrogna, duro scontro in Consiglio Comunale. Manci attacca “tutto è fermo al palo”.

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

“A quattro mesi dall’insediamento della nuova amministrazione, che peraltro vede il Sindaco Schips in continuità da 10 anni, la proposta odierna altro non è che la fotocopia del programma elettorale delle ultime elezioni, a sua volta in parte fotocopia dei programmi amministrativi precedenti”. A dichiararlo è il capogruppo di Minoranza “Tradizione e Futuro” del Comune di Mozzagrogna, Filippo Manci, a termine del Consiglio Comunale tenutosi nei giorni scorsi. Sempre più accesso, infatti, si fa il dibattito fra la Maggioranza, guidata dall'attuale Sindaco Tommaso Schips, e la Minoranza di Filippo Manci, anche a seguito della vicenda dell’assenza delle quote rosa all’interno della Giunta Comunale, finita di fronte al Tar.

“Ci saremmo aspettati in questa seduta che il Sindaco almeno ci rendesse conto di quanto è stato effettivamente realizzato e di quali sono le priorità per il prossimo quinquennio rispetto all’ambizioso programma che ci propone, per il quale ci chiediamo se esiste o è stata prevista la copertura economica. Vorremmo capire in modo preciso se l’adeguamento sismico delle scuole è davvero stato effettuato, e vorremmo essere edotti della relativa certificazione, così come vorremmo sapere in modo inequivocabile quali sono le strade che l’amministrazione intende percorrere per trovare una soluzione logistica definitiva all’annosa questione della Scuola Secondaria di primo grado”. La vicenda della scuola secondaria di I grado infatti è da tempo al centro di un acceso dibattito fra le parti in quanto l’istituto è ospitato all’interno di un palazzo di proprietà del Sindaco ed al quale il Comune paga l’affitto.

Altro tema affrontato durante il Consiglio Comunale è stato quello del cosiddetto Polo Culturale. “Abbiamo chiesto conto in merito alla realizzazione del Polo Culturale – prosegue Filippo Manci – che dovrebbe essere costituito dal Centro Polivalente La Fonte e dallo spazio teatrale all’aperto di Villa Romagnoli, ma anche in questo caso non abbiamo ricevuto alcuna risposta sullo stato dell’arte delle opere. Ancor più circondati da un laconico silenzio siamo stati quando abbiamo chiesto lumi circa una delle opere più significative di Mozzagrogna, ossia la realizzazione della Piazza. Anche qui il nulla, se non notizie generiche”.

“Confidiamo nella benevolenza dell’amministrazione comunale – conclude Manci – affinchè almeno successivamente possa portare noi e soprattutto i cittadini di Mozzagrogna a conoscenza delle azioni di governo compiute fino ad oggi e che verranno compiute in futuro”.

Redazione

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK