Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Progetto Atessa: "rinforzi Carabinieri e videosorveglianza una positiva risposta alle richieste di maggiore sicurezza"

| di Progetto Atessa
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

In fatto di maggiore sicurezza in Atessa, apprendiamo con soddisfazione dell’arrivo di alcuni rinforzi alla Compagnia Carabinieri e della installazione di nuove telecamere, a seguito della sottoscrizione dei patti sulla sicurezza con la Prefettura di Chieti.

E’ sicuramente una prima, positiva risposta alla nostra cocciutaggine ed insistenza ed alle nostre “documentate” e reiterate richieste di sempre maggiore sicurezza.

E’ la constatazione, comunque, che su questo terreno abbiamo sempre visto oltre quello che “sembrava non succedere”, anche a costo di rimetterci personalmente, proprio perché, purtroppo, le isole felici sono scomparse con l’arrivo della violenza gratuita e della sfacciataggine microcriminale.

Se si installano telecamere ed arrivano più Carabinieri, si alza sicuramente il livello di percezione di sicurezza della gente. Ma non basta, occorre anche una risposta locale, con l’aumento della polizia municipale, così come necessaria è la presenza costante di un coordinamento tra le polizie locali e statali e tra i Comuni del circondario per concretizzare quella sicurezza partecipata che è fondamentale per la prevenzione dei reati, specie quelli più odiosi che intaccano la sicurezza della persona e dei propri beni.

Nel prendere atto, quindi, di quanto di positivo è stato fatto, in attesa di quanto promesso ed auspicando quanto da noi proposto in tema di maggiore presenza della polizia locale ed altro, raccomandiamo la installazione delle telecamere in punti concordati con la Polizia locale e con i Carabinieri, affinchè venga salvaguardata la combinata esigenza della tutela del patrimonio con la prevenzione e repressione dei reati. Oltre, infatti, ai siti riguardanti i beni comunali, occorrerebbe la presenza di occhi elettronici all’inizio ed alla fine delle principali vie di accesso al territorio atessano (sono pochissime), in modo da poter fornire materiale utile, per l’individuazione dei responsabili di atti illeciti, in ogni momento.

Progetto Atessa

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK