Rimani sempre aggiornato sulle notizie di valsangro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

"Una vita per l’arte": all'artista Gaetano Minale l'omaggio della città di Atessa

La pittura dei colori e la minuzia della grafica nelle sue opere che raccontano 40 anni di storia, memoria e paesaggi

| di Francesca Stefano
| Categoria: Arte
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

ATESSA – Luoghi, strade, edifici che non ci sono più ma raffigurati con cura e passione per i dettagli che per quarant’anni Gaetano Minale ha saputo “immortalare” nelle sue opere grafiche, ma anche nei colori brillanti e vivi delle sue tele.

Nel pomeriggio di domenica 14 maggio è stato dedicato a lui l’omaggio di tutta la città per la sua arte e per le preziose opere, ben 105, che l'artista ha donato al Comune di Atessa, e che costituiscono un patrimonio per tutti nella Pinacoteca intitolata a suo nome. 

Presente l'artista Minale in compagnia della sua famiglia, l'occasione per ripercorrere la sua storia pittorica e l’arte di chi ha saputo rappresentare scorci, vedute, ma anche sentimenti.

È stata la dottoressa Maria Cristina Ricciardi dell’Università D’Annunzio di Chieti a parlare dell’opera grafica, dei suoi segni a china, puntuali e precisi, memoria iconografica della città. “Gaetano appartiene alla categoria di artisti autentici che hanno una vocazione tanto da portarlo ad ottenere tanti riconoscimenti importanti anche a livello internazionale. – le parole della Ricciardi – Oltre alla pittura, ha dedicato 40 anni di lavoro, dal 1975 al 2015, ad un intento straordinario: la registrazione iconografica della ricchezza storica della sua amata Atessa producendo un corpus altamente significativo di disegni a china donati all’amministrazione comunale”.

“Sono come fotogrammi di una pellicola cinematografica – prosegue ancora – che riferisce tutta una realtà che sa di storia, di passato, ma anche di presente, di vita contemporanea, la realtà architettonica ed urbana della citta di Atessa, a china e in alcuni casi anche con l’ausilio della pittura”.  Un lavoro che ha fermato nel tempo gli scorci e la vita quotidiana, il volto della città, come ha sottolineato la dottoressa, una rappresentazione della realtà e del suo tempo.

Alla Professoressa Adele Cicchitti il compito di riportare alla mente i ricordi di una città che nel corso degli anni ha cambiato il suo volto, ha conservato storie e leggende, ma ha anche visto i suoi posti cambiare. Le opere di Minale infatti sono oggi la testimonianza, come sottolineato dalla professoressa Cicchitti e “rappresentano uno degli aspetti della nostra memoria e della memoria della nostra città, che assumono anche un’importante valenza didattica.”

Ed infatti tra le immagini delle strade emergono chiese, momenti della vita quotidiana come quelli in piazza nel giorno del mercato, ma anche nei panorami dai punti più belli che facilitano la visuale, con una tecnica esperta ed estremamente precisa.  

La Prof.ssa Cicchitti ha ripercorso tutto il paesaggio rappresentato da Minale: dall’opera dello skyline della città, il profilo che testimonia l’unione delle due identità di Ate e Tixa che hanno dato vita ad Atessa, da lì la raffigurazione di luoghi come la vecchia stazione, oppure le “istantanee” di Piazza Garibaldi che rivelano la visuale di insieme. A questi si aggiungono le opere che raccontano scorci di Atessa e che, come spiegato dalla Professoressa “sono una vera e propria documentazione iconografica della città”. Un ricordo non nostalgico, ma testimonianza di quello che non esiste più, ma che è patrimonio da trasmettere ai posteri.

L’arte di Minale è anche contraddistinta dal colore vivo e vivace a rappresentare la realtà grazie alla sua pittura, carica di significato ed emozioni. A parlare di quella capacità di rappresentare i colori come se fossero vive rappresentazioni della realtà, è stata la dottoressa Eleonora Genovesi, architetto e docente anche al Liceo Pantini – Pudente di Vasto che ha illustrato l’arte di Minale e dei suoi tocchi carichi di simbolismi.

“I dipinti del maestro Minale  - spiega la Genovesi - riportano una natura sognante e sognata, sono intrisi di simbolismi che portano lo spettatore a vedere un tempo che la vita moderna sta sempre più frantumando. La simbologia da lui usata non è usata con valenza nostalgica ma è uno strumento per riscoprire l’essenza della vita”. Opere che racchiudono anche il modo di pensare la vita, una forza vitale che viene dalla natura, così visibile anche nei colori forti e decisi, come le pennellate che richiamano l’arte di Van Gogh ed alla Cezanne.

Un omaggio dovuto ad un artista che ha saputo raffigurare il presente nel corso di 40 anni, in cui sono avvenute trasformazione, ma non sono mai venuti meno i caratteri che l’hanno resa un piccolo gioiello. Minale è senza dubbio il più attento artista della città, nonostante Atessa non sia la sua patria nativa, con il suo stile personale ha saputo rappresentare il suo volto migliore con la naturalezza di chi conosce bene ogni strada e palazzo e sa rappresentarlo grazie all’amore ed alla grande passione e propensione naturale per l’arte. 

Tanti i suoi riconoscimenti in Italia e non solo, un’artista capace di unire colore e disegno grafico comunicando in ogni scelta emozioni vive. È bastato un piccolo viaggio tra le sue opere per capire quanto si nasconda anche dietro la pennellata, dietro i suoi ulivi e i suoi girasoli che compongono diverse fasi della sua arte. Oltre alle opere grafiche, la ricchezza della sua arte vive proprio nel colore e nella forza che trasmette, capace di far ricordare sensazioni, come alla vista di una casolare in campagna, oppure di fronte a quei pagliai disegnati e quasi appoggiati sui prati.

Un’arte che ha qualcosa di fotografico, suscitando emozioni che spesso vanno al di là di quelle tele grandi ed in grado di accoglierti in un solo colore.

Da parte di tutta la città, un grazie per aver donato a tutti la sua meravigliosa arte. 

 

Francesca Stefano

Contatti

redazione@valsangro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK